Book Creator

La scuola siciliana

by pierluigi morrone

Cover

Loading...
Speech Bubble
Loading...
Speech Bubble
Loading...

Scuola Siciliana
Loading...
Speech Bubble
Loading...
Speech Bubble
La scuola Siciliana nasce nel 1230, alla corte Siciliana di Federico II e dura fino alla sua morte nel 1250.
Le poesie della scuola Siciliana non furono molto diffuse, a causa dell'uso di un linguaggio raffinato. Usavano, infatti, il volgare siciliano illustre, non quello del mercato.
Le loro poesie, vennero riprese poi dai Toscani e cosi toscanizzate.
I poeti siciliani, imitatori delle poesie provenzali per la tematica d'amore, diventarono famosi per aver creato la prima poesia in Italiano volgare.
Alcuni dei poeti più importanti di questa scuola sono:
Iacopo Lentini , Guido delle Colonne e Pier della Vigna. Essi
scrivevano queste poesie non per lavoro, ma per passione.
Iacopo da Lentini
Nato intorno al 1210 a Lentini, morì intorno al 1260.
Funzionario ma anche notaio delle corti di Federico II, grazie a questo titolo riuscì a mettere il suo nome in qualche poesia.
Famoso per aver inventato il sonetto, ma anche per essere citato da Dante nel canto XXIV del Purgatorio.
SONETTO
 È una forma metrica formata da 14 versi
- 2 quartine (rime alternate)
- 2 terzine ( rime incatenate)
- versi endecasillabi
TEMI
Riprendono i temi dell'amor cortese, ovvero:
-le lodi della donna
-la servitù d'amore
-il fin' amore (che purifica l'animo)
-la paura di un amore non corrisposto
riprendono anche i procedimenti stilistici e le forme metriche
Non si parla di temi politici dato che Federico II ha risolto tutti i problemi politici. Arrivate in Toscana, i rimatori di transizione aggiungono i temi politici.



Amore è uno desio che ven da core
per abondanza di gran piacimento;
e li occhi in prima generan l’amore
e lo core li dà nutricamento.

Ben èalcuna fiata om amatore
senza vedere so ’namoramento,
ma quell’amor che stringe con furore
da la vista de li occhi ha nascimento:

ché li occhi rapresentan a lo core
d’onni cosa che veden bono e rio
com’è formata naturalemente;

e lo cor, che di zo è concepitore,
imagina, e li piace quel desio:
e questo amore regna fra la gente.
COMMENTO
In questa poesia, scritta da Iacopo da Lentini, è descritta la nascita di un amore che avviene attraverso gli occhi che trasmettono al cuore tutti gli aspetti e le qualità buone o cattive, interne ed esterne della donna amata.
Il cuore poi dà nutrimento, appassiona e desidera.
Nella poesia il poeta dice che è anche possibile che un uomo si possa innamorare di una donna senza vederla, ma questo tipo di amore non è un amore passionale.
Federico II di Svevia
Federico II nacque a Jesi, in provincia di Ancona, sotto una tenda perché sua madre (Costanza D'altavilla) era in viaggio dalla Germania alla Sicilia.
E rese il suo parto pubblico per dimostrare a tutti che lui fosse suo figlio e non di un'ancella.
Perchè, dopo una certa età, venivano considerate vecchie, in torto questa nascità nacque una leggenda negativa, cioè, che Federico II veniva considerato l'anticristo, secondo il quale il demone si sarebbe reincarnato nel ventre di una monaca.
Federico per i suoi nemici appariva come un demonio, ma venne amato dai suoi amici, perciò gli diedero il soprannome "la meraviglia del mondo".
Lui era un appassionato di poesie e un dotto ed era incuriosito anche della scienza della natura.
lottando contro tutti i suoi nemici capì di rifondare la scuola di medicina a Salerno e di fondare l'università di Napoli.
La sua iniziativa nacque a Palermo tramite un gruppo di intellettuali, e cosi nacque la scuola Siciliana dove vennero composte le prime poesie in lingua volgare.
PrevNext