Book Creator

I DIRITTI UMANI

by MARINA ACCIARINO

Pages 2 and 3 of 17

I DIRITTI
UMANI
II A AFM
Loading...
Loading...
INDICE
Loading...
Il diritto e le sue funzioni . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .

Le fonti del diritto . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .

Dallo Statuto alla Costituzione . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .

La Costituzione . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .

La dichiarazione dei diritti umani . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .

Diritti umani, quali sono? . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .

I principi fondamentali . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .

I diritti inviolabili. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .

Principio di uguaglianza . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .

Disuguaglianza nel mondo . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .

L'indice di Gini . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .

I mondiali in Qatar . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
Qatar la violazione dei diritti umani . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
Loading...
03

04

05

06

07

08

09

10

11

12

13

15

16
Loading...
Comic Panel 1
Loading...
IL DIRITTO E LE SUE FUNZIONI
Loading...
Le fonti da cui provengono le regole di comportamento sono piuttosto numerose.

Il diritto è l’insieme di regole poste dallo Stato.

Ø La funzione tradizionale del diritto è garantire la pacifica convivenza stabilendo i comportamenti da tenere, quelli da evitare e le conseguenze nelle quali può incorrere chi non rispetta le regole.

Ø Una seconda funzione è disciplinare l’organizzazione dello
Stato e l’attività dei suoi organi
COME SONO ORDINATE LE FONTI DEL DIRITTO?

Le fonti del diritto sono ordinate gerarchicamente:

Al primo posto troviamo la Costituzione della Repubblica Italiana

Al secondo posto le fonti primarie (fonti statali, fonti regionali e provinciali, fonti comunitarie);

Al terzo posto ci sono i regolamenti che possono essere adottati dal Governo o dai singoli ministri, da organi regionali e comunali, da altri organi della pubblica amministrazione;

Al quarto posto, infine, si collocano le consuetudini o usi, ovvero le norme che non sono scritte da nessuna parte né poste da alcuna autorità.
Comic Panel 1
DALLO STATUTO ALLA COSTITUZIONE
La Costituzione è la legge fondamentale dello Stato:
la legge cioè che contiene le regole e i principi posti a fondamento dell’intero ordinamento giuridico.
Ogni Stato predispone la propria legge fondamentale in piena autonomia e vi scrive ciò che ritiene più importante.

In tutte le Costituzioni moderne, tuttavia, sono presenti:

Ø  norme che tutelano i fondamentali diritti dei cittadini
Ø  norme che regolano l’organizzazione e l’attività dei pubblici poteri.
COME E' NATA LA NUOVA COSTITUZIONE?

Il 2 giugno 1946 gli italiani votarono per l’elezione dei deputati che, riuniti in Assemblea costituente, avrebbero redatto una nuova Carta costituzionale.
La nuova costituzione venne approvata dall’assemblea il 22 dicembre 1947, e il 1° gennaio 1948 entrò ufficialmente in vigore.

Strutturalmente la Costituzione si apre con i Principi fondamentali che ne costituiscono la premessa;
prosegue con una prima parte nella quale sono fissati i principali diritti e doveri dei cittadini;
termina con una seconda parte nella quale è delineato l’ordinamento della repubblica
Comic Panel 1
LA DICHIARAZIONE DEI DIRITTI UMANI
Il 24 ottobre 1945, subito dopo la Seconda Guerra Mondiale, nacquero le Nazioni Unite come organizzazione intergovernativa per il salvataggio delle generazioni future dalla devastazione di un conflitto internazionale.
Rappresentanti delle Nazioni Unite da tutte le regioni del mondo adottano formalmente la Dichiarazione Universale per i Diritti Umani il 10 Dicembre 1948: è il documento sui diritti umani più universale che esista e delinea i diritti fondamentali che formano le basi per una società democratica.
DIRITTI UMANI, QUALI SONO?

 I Diritti umani possono essere classificati in diritti civili,
politici e sociali.
I diritti civili sono quelli che attengono alla personalità dell’individuo, quale la libertà di pensiero, la libertà personale, di riunione, di religione ed ancora la libertà economica. Invero, nella sfera di questi, all’individuo è garantita un ambito di arbitrio, purché il suo agire non violi i diritti civili degli altri soggetti. Per tal ragione, i diritti civili obbligano gli Stati a un atteggiamento di astensione.
I diritti politici sono, invece, quelli che attengono alla formazione dello Stato democratico e comportano una libertà attiva, ossia una partecipazione dei cittadini nel determinare l’indirizzo politico dello Stato. Tali sono, ad esempio, la libertà di associazione in partiti, ossia diritti elettorali.
In fine, vi sono i diritti sociali - diritto al lavoro, all’assistenza,
allo studio, tutela della salute. Questi diritti implicano un comportamento attivo da parte dello Stato, il quale deve garantire ai cittadini una situazione di concretezza e certezza nella tutela degli stessi e nel riconoscimento delle relative garanzie.
PrevNext