Book Creator

Elaborato TIC Giuseppina Monteleone

by Giuseppina Monteleone

Pages 2 and 3 of 27

Loading...
LE TIC: ASPETTI TEORICI
Loading...
L'istituzione scolastica, negli ultimi anni, ha apportato numerosi cambiamenti relativi alla formazione che hanno comportato il bisogno, da parte degli insegnanti, di acquisire nuove e adeguate competenze. Nasce l'acronimo TIC, tecnologie informatiche e della comunicazione, cioè quei processi e strumenti tecnologici a cui appartengono tutti i dispositivi digitali ed informatici, utili affinché si possa produrre e migliorare l'apprendimento. Da circa 20 anni, pertanto, si è assistiti ad un'apertura da parte delle scuole alle TIC per facilitare l'apprendimento di tutti gli alunni e, in particolare, consentire un cambiamento vantaggioso alla didattica rivolta agli alunni con disabilità. Le indicazioni nazionali del 2012, all'interno del campo di esperienza "immagini suoni colori", affermano: "Il bambino si confronta con i nuovi media e con i nuovi linguaggi della comunicazione. La scuola può aiutarlo a familiarizzare con l'esperienza della multimedialità ( la fotografia, il cinema, la televisione, il digitale), favorendo un contatto attivo con i media e la ricerca delle loro possibilità espressive creative". Nel 2015 grazie alla legge 107 abbiamo il Piano Nazionale per la Scuola Digitale attuata successivamente con il decreto legislativo 65/2017. E' il documento che ha dato avvio al processo di digitalizzazione della scuola, attraverso interventi mirati alla diffusione della lavagna interattiva multimediale nelle classi di tutte le scuole di ogni ordine e grado. Tra i vari obiettivi indica la diffusione e il potenziamento degli strumenti tecnologici nella scuola e prevede la formazione dei docenti.
Tutto ciò assume un ruolo importante in quanto facilita l'apprendimento e lo sviluppo delle competenze.
Loading...
Loading...
Loading...
Loading...
Loading...
Loading...
In relazione alle competenze, nel 2006, le raccomandazioni dell'unione europea parlavano già della necessità di un'adeguata diffusione delle tecnologie digitali, confermate poi dalle Competenze Chiave per l'apprendimento permanente del 2018, tra queste vi è la "competenza digitale".
"La competenza digitale presuppone l'interesse per le tecnologie digitali e il loro utilizzo con dimestichezza, spirito critico e responsabile per apprendere, lavorare e partecipare alla società.
Essa comprende l'alfabetizzazione informatica e digitale, la comunicazione e la collaborazione, l'alfabetizzazione mediatica, la creazione di contenuti digitali ( inclusa la programmazione), la sicurezza (compreso essere a proprio agio nel mondo digitale e possedere competenze relative alla cyber sicurezza), le questioni legate alla proprietà intellettuale, la risoluzione di problemi e il pensiero critico".
A seguito dell'emergenza sanitaria da SARS-CoV-2, con il D.L. aprile 2020, n.22 art.2 comma 3 nasce la DAD (didattica a distanza) e chiarisce che "il personale docente assicura comunque le prestazioni didattiche nelle modalità a distanza, utilizzando strumenti informatici o tecnologici a disposizione... attraverso apparecchiature informatiche, collegamenti telefonici e telematici, per contenere ogni diffusione del contagio."
( La Gazzetta ufficiale dell'8 aprile 2020 n. 93).
I docenti hanno pertanto garantito le lezioni scolastiche tramite l'uso delle tecnologie informatiche e, dove ne è stato necessario, sono stati erogati tali strumenti da parte della scuola a tutte quelle famiglie o insegnanti che ne erano privi. Le attività scolastiche proposte con la DAD, inoltre, sono state ben pensate e costruite per permettere una migliore interazione tra gli alunni e gli insegnanti che non ha riguardato soltanto l'assegnazione dei compiti da svolgere a casa, piuttosto si è trattato di una vera e propria riorganizzazione degli obiettivi e delle metodologie didattiche. In tal modo si è giunti alla creazione di uno spazio di apprendimento " on line ".
Loading...
Loading...