Book Creator

dizionario

by Milena Iaderosa e Sonia Ialacci

Pages 2 and 3 of 53

Il dizionario delle
Indicazioni Nazionali
Ellipse;
Loading...
Università degli Studi del Molise

Loading...
Scienze della formazione primaria
Area della formazione tirocinio
Loading...
Tutor:Michela Nisdeo
Loading...
Il dizionario delle Indicazioni Nazionali
(ore online)
Loading...

Corsiste: Iaderosa Milena matr.172989
Ialacci Sonia matr.173042
Loading...
Università degli Studi del Molise

Loading...
Scienze della formazione primaria
Area della formazione tirocinio
Loading...
Tutor:Michela Nisdeo
Loading...
Il dizionario delle Indicazioni Nazionali
(ore online)
Loading...

Corsiste: Iaderosa Milena matr.172989
Ialacci Sonia matr.173042
A
B
1.Abilità: per abilità si intende la capacità di portare a termine compiti e di risolvere problemi. Può riferirsi ad una capacità innata o acquisita nel tempo con l'esperienza o per mezzo di altre forme di apprendimento. Si può descrivere in termini generali, oppure con riferimento ad
uno specifico àmbito, o disciplina.
   
2.Ambiente: complesso di condizioni sociali, culturali e morali nel quale una persona si trova, si forma, si definisce.

3.Apprendimento: il processo di acquisizione e di modificazione di capacità e abilità comportamentali.

4.Atteggiamento: modo di disporsi o di presentarsi, come riflesso di un determinato stato d'animo o come forma deliberatamente assunta di comportamento.

5.Autonomia: capacità di agire senza condizionamenti esterni.

6.Autovalutazione: processo riflessivo sia di chi apprende sia di chi insegna. Per i primi, consiste nell’elencare e definire quanto appreso, individuando così le eventuali ulteriori necessità. Per i secondi, nell’individuazione di strumenti di esame critico dell’efficacia della propria azione didattica.






   
7.Bambino: essere umano nell'età compresa tra la nascita e l'inizio della fanciullezza, che comincia a sei anni; nell'uso comune, però, viene chiamato bambino l'essere umano da quando nasce fino all'adolescenza.
    
8.Benessere: condizione di prosperità garantita da un ottimo livello di vita e da vantaggi equamente distribuiti.
   
9.Bisogno: in psicologia il bisogno è la percezione della mancanza totale o parziale di uno o più elementi che costituiscono il benessere della propria persona.





B
   
7.Bambino: essere umano nell'età compresa tra la nascita e l'inizio della fanciullezza, che comincia a sei anni; nell'uso comune, però, viene chiamato bambino l'essere umano da quando nasce fino all'adolescenza.
    
8.Benessere: condizione di prosperità garantita da un ottimo livello di vita e da vantaggi equamente distribuiti.
   
9.Bisogno: in psicologia il bisogno è la percezione della mancanza totale o parziale di uno o più elementi che costituiscono il benessere della propria persona.





C
C
10.Capacità: l'essere in grado di fare qualcosa;  capacità di un individuo di capire il valore sociale di un'azione e di controllare i propri impulsi nell'agire

11.Centralità: il bambino “è posto al centro dell’azione educativa in tutti i suoi aspetti: cognitivi, affettivi, relazionali, corporei, estetici, etici, spirituali, religiosi.
      
12.Cittadinanza: condizione giuridica e sociale di appartenenza ad uno Stato, in base al quale sono riconosciuti pienamente diritti civili e politici.
      
13.Collaborazione: partecipazione attiva, variamente determinata e valutabile, al compimento di un lavoro o allo svolgimento di un'attività.
      
14.Competenza: piena capacità di orientarsi in un determinato campo, idoneità e autorità di trattare e risolvere una questione.
     
15.Competenze chiave:  comprendono le conoscenze, le abilità e gli atteggiamenti di cui tutti hanno bisogno per la realizzazione e lo sviluppo personali, l'occupazione, l'inclusione sociale e la cittadinanza attiva. 






      
16.Comprensione: l’atto e la facoltà di comprendere con l’intelletto, di far propria una nozione.

17.Comunicazione: trasmissione, messa in comune, condivisione di un messaggio tra soggetti secondo un codice comune.

18.Comunità: una comunità è un insieme di individui che condividono uno stesso ambiente - sia esso fisico e/o tecnologico - formando un gruppo riconoscibile, unito da vincoli organizzativi, territoriali, linguistici, religiosi, 
economici e da interessi comuni.

19.Conoscenza: la conoscenza è la consapevolezza e la comprensione di verità, fatti o informazioni ottenute attraverso l'esperienza o l'apprendimento, ovvero tramite l'introspezione. La conoscenza è l'autocoscienza del possesso di informazioni connesse tra di loro, le quali, prese singolarmente, hanno un valore e un'utilità inferiori.

20.Criterio: insieme dnorme interiori o manifeste,  implicite o esplicitate, sulle quali si basano le valutazioni e i giudizi soggettivi.


    
 




C

      
16.Comprensione: l’atto e la facoltà di comprendere con l’intelletto, di far propria una nozione.

17.Comunicazione: trasmissione, messa in comune, condivisione di un messaggio tra soggetti secondo un codice comune.

18.Comunità: una comunità è un insieme di individui che condividono uno stesso ambiente - sia esso fisico e/o tecnologico - formando un gruppo riconoscibile, unito da vincoli organizzativi, territoriali, linguistici, religiosi, 
economici e da interessi comuni.

19.Conoscenza: la conoscenza è la consapevolezza e la comprensione di verità, fatti o informazioni ottenute attraverso l'esperienza o l'apprendimento, ovvero tramite l'introspezione. La conoscenza è l'autocoscienza del possesso di informazioni connesse tra di loro, le quali, prese singolarmente, hanno un valore e un'utilità inferiori.

20.Criterio: insieme dnorme interiori o manifeste,  implicite o esplicitate, sulle quali si basano le valutazioni e i giudizi soggettivi.


    
 




C
D
     
21.Cultura: quanto concorre alla formazione dell'individuo sul piano intellettuale e morale e all'acquisizione della consapevolezza del ruolo che gli compete nella società; il patrimonio delle cognizioni e delle esperienze acquisite tramite lo studio, ai fini di una specifica preparazione in uno o più campi del sapere.
      
22.Curricolo: l’insieme delle esperienze di apprendimento progettate, attuate e valutate da una comunità scolastica per il perseguimento di obiettivi formativi esplicitamente espressi.



23.Differenza: la mancanza di uguaglianza, identità, somiglianza o corrispondenza fra persone, che possono essere diverse tra loro per la loro stessa natura oppure distanziarsi soltanto per qualità o caratteri secondari.
     
24.Dignità: la dignità è il diritto di una persona ad essere apprezzata e rispettata per sé stessa e ad essere trattata eticamente. Con il termine dignità ci si riferisce al valore intrinseco dell'esistenza umana che ogni uomo e ogni donna – in quanto persona – è consapevole di rappresentare nei propri principî morali, nella necessità di liberamente mantenerli per sé stesso e per gli altri e di tutelarli nei confronti di chi non li rispetta.

25.Disabilità: è la condizione di chi, in seguito a una o più menomazioni strutturali o funzionali, ha una ridotta capacità d'interazione con l'ambiente sociale rispetto a ciò che è considerata la norma, pertanto è meno autonomo nello svolgere le attività quotidiane e spesso in condizioni di svantaggio nel partecipare alla vita sociale.

26.Disciplina: parte del sapere che è oggetto di insegnamento e di studio.




PrevNext