Book Creator

la Guerra di Troia

by Arianna Gaudio

Cover

Loading...
LA GUERRA DI TROIA
Loading...
La città di Troia si trovava nelle vicinanza dell'attuale Stretto dei Dardanelli.
Essa aveva una posizione strategica che permetteva di controllare i traffici tra il Mar Egeo e il Mar Nero.
La guerra di Troia scoppiò intorno al 1200 a.C. molto probabilmente perché i Micenei volevano conquistare l'Anatolia settentrionale in modo da poter espandere i propri commerci nell'entroterra asiatico.
Il poema dell'Iliade, attributo al poeta cieco di nome Omero, racconta un'altra versione delle cause che portarono allo scoppio della guerra di Troia.
Secondo tale leggenda Eris, dea della discordia, non fu invitata alle nozze dei genitori di Achille. Ella, per vendicarsi, durante il banchetto delle nozze fece cadere sulla tavola una mela d'oro con sopra scritto "Alla più bella del mondo".
Iniziò, allora, una discussione tra le dee Era (moglie di Zeus), Atena (dea della saggezza) e Afrodite (dea dell'amore) per chi doveva essere considerata la più bella, ma Zeus decise che fosse un uomo, Paride, figlio del re di Troia Priamo, a stabilire a chi sarebbe andata la mela.
Ognuna delle dee, per ottenere la mela, promise qualcosa in cambio a Paride:

Era promise a Paride che, se avesse dato a lei la mela, gli avrebbe concesso ricchezza e potenza;
Atena gli promise la saggezza e l'invincibilità;
Afrodite gli promise che gli avrebbe fatto sposare la donna più bella del mondo.
Paride decise di dare la mela ad Afrodite. Così la dea fece innamorare Paride e la bella Elena, moglie di Menelao e cognata di Agamennone, re miceneo.
Paride rapì Elena, per questa ragione Menelao si unì con altri re Micenei per attaccare Troia, come risposta all'offesa ricevuta.
Iniziò una lunga e sanguinosa guerra, durata 10 lunghi anni.
Omero ci presenta, via via , i maggiori protagonisti, tutti con particolari storie personali:
Achille eroe valoroso, forte e audace, feroce e vendicativo, ma capace di sentimenti nobili e profondi, come l’amicizia per Patroclo;
Ulisse astuto e ingegnoso;
Ettore coraggioso, combatte per la patria e per il proprio orgoglio. 
PrevNext