Book Creator

Pinocchio

by Francesca D'Angelo

Cover

Loading...
PINOCCHIO
C'era una volta un vecchio falegname di nome Geppetto, che viveva in una piccola casetta di campagna in compagnia di un grillo parlante. Geppetto avrebbe tanto desiderato avere un figlio, così , un giorno decise di costruire un burattino di legno e di chiamarlo Pinocchio.
Quel burattino era davvero molto bello...
- se solo fosse un bambino vero...- sospirò Geppetto andandosene a letto.
Quella notte però Geppetto non era solo a casa : la Fata Turchina ,infatti, di tanto in tanto, passava a fargli visita per assicurarsi che stesse bene .
Sentendo il desiderio di Geppetto, la buona fata decise di realizzarlo. Prese la bacchetta magica e , toccando il burattino, in men che non si dica, il burattino inziò a muoversi e a parlare come un bambino vero.- Pinocchio dimostrati bravo, ubbidiente e coraggioso e, un giorno diventerai un bambino vero !- disse la fata .
Ma pinocchio non era molto ubbidiente e la fatina non fece in tempo a terminare la frase che lui era già in giro a correre e fare confusione. Svegliato da tutto quel baccano Gepeto uscì dalla sua stanza , non poteva credere ai suoi occhi finalmente anche lui aveva un bambino!
La mattina dopo, Geppetto, che era un uomo povero, vendette la sua giacca per comprare un libro a Pinocchio e mandarlo a scuola.
Uscito di casa Pinocchio vide tante cose mai viste, ma la sua attenzione fu attratta da dei suoni, che proveniveno dalla piazza dove c'era un tendone colorato e, decise di andare a veder ,tanto la scuola poteva aspettare : era il teatro dei burattini!
Pinocchio voleva vedere lo spettacolo a tutti i costi e così decise di vendere il suo libro per pagare il biglietto. Ma non appena fu all'interno fu acchiappato da Mangiafuoco , che credendolo un burattino, lo mandò subito sul palco. Entusiasta ,alla fine dello spettacolo ,Mangiafuoco, decise di chiuderlo in gabbia per tenerlo sempre con se. Il grillo parlante, che lo aveva seguito di nascosto, vide tutto e corse ad avvisare Geppetto, e insieme lo liberarono. Pinocchio chiese scusa a Geppetto e gli promise che si sarebbe comportato bene sempre
Il giorno seguente Pinocchio uscì per recarsi a scuola e per strada giocherellava con le monete che aveva guadagnato con lo spettacolo la sera prima. Casualmente passavano Il Gatto e la Volpe,che gli si avvicinarono per truffarlo.- Se vieni con noi- dissero -potrai raddoppiare i tuoi soldini, basta piantare i soldi in una buca della terra dei miracoli, e l'indomani trovi un albero carico di monete-. Il Grillo Parlante nel frattempo ,cercava di convincerlo a non fidarsi, ma non ci fu nulla da fare, Pinocchio seguì i due furfanti, purtroppo però l'indomani non trovò più nulla .
.
Mentre tornava a casa, sconsolato, gli apparve la Fata Turchina che gli chiese perchè non era andato a scuola e ,Pinocchio rispose con tante bugie e, subito il suo naso cominciò a crescere. La Fata aveva fatto un incantesimo, ogni volta che avrebbe detto una bugia il suo naso sarebbe cresciuto. Allora Pinocchio, piangendo ,promise di non dire più bugie. Così la fatina che era molto buona ,fece tornare il suo naso al suo posto. Ma purtroppo Pinocchio, ne combinò un'altra delle sue,si fece trascinare da Lucignolo nel paese dei Balocchi dove non si studia mai: lì diventò un vero asino. Fu venduto al proprietario di un circo, ma poichè si era rotto una zampa, lo gettò in mare. Mentre nuotava Pinocchio fu divorato da una balena. Pinocchio si sentì perduto ma ad un tratto nel Ventre della balena incontrò Geppetto. Insieme riuscirono a fuggire. Pinocchio aiutò il suo vecchi padre, e fu buono con lui.
PrevNext