Book Creator

Prodotto Multimediale Tic

by Laura Borgon

Cover

Loading...
Indice
Il ruolo delle Tic nella didattica inclusiva . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 4

Perchè un ambiente tecnologico per includere? . . . . . . . . . . . . . 7

Le Tic durante il TFA . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 8

Organizzare e allestire ambienti didattici virtuali  . . . . . . . . . . . 9

Presentazioni . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .10

Ambiente Google . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 11

Coding. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .13

Mappe . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 14

CAA  . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .15

Gaming and Gamification . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 16

Intelligenza artificiale. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 17

Modeling  . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .19

Perchè sono qui?. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 20

Unità di apprendimento inclusiva . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 22

Fasi di applicazione. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .28

Considerazioni finali. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 34

IL RUOLO DELLE TIC NELLA DIDATTICA INCLUSIVA
Le TIC sono strumenti potenti per migliorare la didattica inclusiva, poiché forniscono opportunità di apprendimento flessibili, personalizzate e accessibili, riducendo le barriere all'istruzione per tutti gli studenti.
Le tecnologie digitali possono rappresentare dei validi mediatori per mettere in pratica strategie didattiche inclusive che riescono a coinvolgere anche gli alunni particolarmente demotivati o con difficoltà di apprendimento. I nostri studenti, nativi digitali, percepiscono come familiari tali strumenti dato che rappresentano il veicolo quotidiano delle loro modalità comunicative.
Anche per questo motivo tale approccio favorisce la motivazione ad apprendere e influenza particolarmente i processi cognitivi. L'obiettivo dell'utilizzo delle nuove tecnologie digitali nella scuola è rendere possibile un'esperienza moderna di apprendimento, interattiva e coinvolgente che consenta, grazie all'allestimento di ambienti tecnologicamente avanzati, di esplorare, comunicare e imparare un modo di pensare digitale e innovativo.
La tecnologia si evolve, e di pari passo anche le metodologie educative si devono adattare al cambiamento. All'interno del contesto di scuola digitale il nuovo ambiente di apprendimento propone approcci multimediali che diventano ausili al servizio della didattica inclusiva: la L.I.M., Il tablet, la digital board e altri strumenti assumono il ruolo di tecnologie per tutti e non solo per alcuni.
Metodologie di didattica attiva e collaborative si configurano oggi come particolarmente efficaci per motivare gli studenti alla conoscenza, per promuovere l'apprendimento, qualificandolo, e per contrastare i rischi di emarginazione degli studenti in ciascuna situazione di disabilità. la tecnologia digitale, ormai presente in tutte le scuole e in ogni ordine scolastico, offre risorse molto interessanti per sostenere la relazione insegnamento/apprendimento basata non più solo sulla lezione frontale ma anche su dinamiche partecipative, dialogative e di cooperazione. Secondo i principi della didattica inclusiva, la scuola ha il compito dimettere in campo tutti gli strumenti per facilitare la partecipazione degli studenti alla vita scolastica e c'è un consenso ormai quasi unanime sull'utilità delle nuove tecnologie per favorire questo processo. L'utilizzo di questi strumenti rientra fra le strategie didattiche inclusive e può avere un ruolo ancora più determinante nel caso di studenti con Bisogni Educativi Speciali (BES) e Disturbi Specifici dell'Apprendimento (DSA).
PrevNext