Book Creator

V Canto Divina Commedia - Il riassunto

by RICCARDO RIZZO

Cover

Loading...
DANTE
Loading...
LA DIVINA C
Loading...
OMMEDIA
Loading...
IL RIASSUNTO
Loading...
Ellipse;
Loading...
CANTO
Loading...
V
Loading...
A cura di Riccardo Rizzo
Loading...
Dante e Virgilio passano dal primo cerchio al secondo, dove trovano Minosse, giudice Infernale. Il compito di Minosse è di ascoltare le confessioni delle anime dannate, scegliendo in quale cerchio loro sconteranno la loro condanna. Lo fa cingendosi il corpo tante volte quanto sono i cerchi che le anime dannate dovranno discendere. Minosse vorrebbe opporsi all'ingresso di Dante, ma Virgilio lo rimprovera, così come aveva già fatto con Caronte.
Entrati dentro, il luogo in cui si trovano è tenebroso e una bufera trascina le anime dei dannati. Pianti, lamenti, strida, bestemmie si sentono provenire dai peccatori. Dante comprende che essi sono "peccatori carnali", ovvero i lussuriosi. Virgilio indica a Dante alcuni personaggi
del passato che si trovano in questo luogo: Semiramide, Cleopatra, Elena, Paride, Tristano. Ma l'attenzione del poeta è attratta da due anime che volano insieme: sono Paola Malatesta e Francesca da Rimini.
Dante li invita ad avvicinarsi e Francesca narra la loro storia: la bellezza di Francesca fece innamorare Paolo, che a sua volta si innamorò di lui perché Amore pretende che chi è amato contraccambi l'amore. Il marito di Francesca però,
Gianciotto, fratello di Paolo, scoperto l'inganno, nel tentativo di uccidere Paolo, trafisse con la spada anche Francesca. Dante allora, vuole sapere da Francesca come si dichiararono il loro amore.
Francesca racconta di come un giorno, lei e Paolo stessero leggendo del- l'amore di Lancillotto e Ginevra e, proprio nel momento in cui Lancillotto baciò Ginevra, anche Paolo baciò Francesca, "tutto tre-
mante". Al termine del racconto, mentre Paolo piange, Dante sviene per la troppa commozione.
Amor, ch’a nullo amato amar perdona,
mi prese del costui piacer sì forte,
che, come vedi, ancor non m’abbandona.

Amor condusse noi ad una morte:
Caina attende chi a vita ci spense».
Queste parole da lor ci fuor porte.
Un breve riassunto di uno dei canti più belli della Divina Commedia: il V Canto.
Dante e Virgilio si trovano nel secondo cerchio, dove si trovano le anime dannate che hanno peccato per la loro passione.



Si parla di una delle storie più antiche arrivate fino ai giorni nostri: la storia di Paolo e Francesca.
A cura di Riccardo Rizzo
PrevNext