Book Creator

PRESENTAZIONE ALUNNO

by Francesca Furfaro

Pages 2 and 3 of 13

TECNOLOGIE APPLICATE ALLA DIDATTICA
Prof. Massimiliano Lo Iacono

FRANCESCA FURFARO
PRESENTAZIONE ALUNNO
Loading...
L'ISTITUTO SCOLASTICO...
Loading...
Il contesto territoriale in cui la scuola è inserita manifesta scarso sviluppo industriale, piccole imprese artigianali, elevato grado di disoccupazione. Nel territorio sono presenti aree di interesse culturale. Il livello di sviluppo economico della città è scarso e caratterizzato da un alto grado di disoccupazione giovanile: nonostante un tasso di scolarità alquanto elevato, molti giovani vibonesi sono costretti a trasferirsi in altre regioni o all’estero, in cerca di un’adeguata sistemazione lavorativa.
Il territorio anche se sede di provincia, è lontano dal possedere quelle peculiarità di offerta culturale e di aggregazione che ogni cittadino si aspetta debbano costituire punto di forza e di traino ad eccezione dell’Oratorio Salesiano e del Sistema Bibliotecario Vibonese. Risulta inoltre povero di strutture sociali, culturali e/o ricreative che possano contribuire a fornire sufficienti stimoli educativi, ludici e ricreativi necessari all’armonico sviluppo della personalità degli adolescenti. In questo contesto la scuola diventa struttura educativa e formativa fondamentale.

Loading...
Loading...
La sede principale dell’Istituto Comprensivo Garibaldi- Buccarelli è ubicata in un edificio di epoca fascista, nella piazza principale della città di Vibo Valentia. Costituito da sette plessi, due di scuola dell’infanzia, due di scuola primaria (periferia della città e frazione Triparni);e tre di scuola secondaria di I grado (uno in periferia e due Vibo centro), risulta essere uno dei complessi scolastici “storici” della città.

Loading...
Loading...
...GARIBALDI - BUCCARELLI
Loading...
Le famiglie riconoscono pertanto alla scuola e all’ istruzione un ruolo fondamentale nel processo educativo dei loro figli; ma non tutte sono in grado di orientare e sostenere adeguatamente il loro percorso formativo. Alcuni gruppi di studenti si esprimono prevalentemente in dialetto.
L'Istituto, ogni anno ospita alunni provenienti da tutto l’entroterra, si sta attivamente impegnando a diventare luogo elettivo di riferimento per i giovani iscritti e per le loro famiglie, attraverso l’istituzione di percorsi culturali solidi, innovativi e al passo con i tempi. L’intento è quello di aprire le menti dei giovani, attraverso l’insegnamento delle diverse discipline, delle lingue straniere (inglese, francese, tedesco, spagnolo) e dell’informatica, ad una realtà territoriale più ampia e stimolare la loro curiosità verso culture differenti.
Gli alunni stranieri presenti nell’Istituto sono circa il 3% e generalmente risultano ben integrati nel tessuto sociale, perché nati in Italia: sono i bambini ed i ragazzi di seconda generazione.
L’aspetto estetico dei siti in cui è ubicata la scuola è dignitoso e ben collegato con i vari quartieri della città, con i paesi limitrofi e con le stazioni di partenza e di arrivo degli autobus. Va sottolineato però che gli alunni fuori-sede, per la grande maggioranza, si servono di mezzi di trasporto di proprietà dei genitori, che svolgono la loro attività lavorativa nel capoluogo o nei pressi.


CONTESTO CLASSE E RELAZIONI
Dalle mie osservazioni è emerso che il gruppo classe ( una terza composta da 16 alunni di cui 10 femmine e 6 maschi ) è molto vivace ed eterogeneo, unito, seppur con qualche piccolo sottogruppo dovuto a fattori caratteriali. Purtroppo la presenza di alcuni alunni pochi inclini allo studio e molto vivaci non crea un clima tranquillo e ci sono molti momenti di distrazione che influiscono anche sull'apprendimento del mio studente, che per integrarsi maggiormente si lascia trascinare dal loro atteggiamento.
Non solo Tazmania, ma anche gli altri alunni
mi hanno accolto ben volentieri. Richiedono spesso la mia presenza ed i miei consigli,
sono accoglienti e gentili, molto educati e rispettosi nei miei confronti.
La mia presenza in aula suscita in loro interesse e curiosità, mi chiedono sempre se il giorno seguente ritorno ad essere presente e questo mi riempie il cuore di gioia.
PRESENTAZIONE ALUNNO
TAZMANIA
Tazmania è un alunno di origine marocchina, segue regolarmente le lezioni, solare, aperto alle relazioni interpersonali e buono. Ha un ottimo rapporto con i suoi compagni e con gli insegnanti. E' affetto da G40. 1 ( Epilessia e sindromi epilettiche sintomatiche, definite per localizzazione (focale(i)) (parziale(i)), con crisi parziali semplici ), il che comporta difficoltà degli apprendimenti. E' rispettoso delle regole comportamentali, è interessato alle lezioni, in particolar modo alle materie in lingua straniera ( francese ed inglese ), è autonomo nella cura personale e nella gestione del materiale scolastico.
ATTITUDINI:

Tazmania ha una forte empatia, tanta voglia di esprimersi e di essere capito, di raccontarsi ed entrare in contatto con gli altri. Se incoraggiato e sostenuto, il suo impegno diventa maggiore ed i suoi risultati migliorano.
CRITICITA'

Purtroppo, la sua scarsa autostima gli impediscono a volte di pretendere di più da sé stesso e lo portano ad arrendersi non appena trova una piccola difficoltà, che riesce a superare grazie al supporto dell'insegnante. E' poco autonomo nello svolgimento dei lavori sia in classe che a casa. La sua condizione famigliare ( famiglia marocchina emigrata che non parla italiano ) non favorisce il miglioramento del suo esprimersi in lingua italiana in quanto parla in italiano solo con i compagni a Scuola.

PrevNext