Book Creator

Microplastiche

by VINCENZO FIORINI

Cover

Loading...
Inquinamento da microplastiche
Microplastiche: cosa sono:

La prima cosa da spiegare è che non esiste un'unica definizione ufficiale, si può dire dunque che la microplastica è un residuo derivato dal processo di produzione e utilizzo della plastica, uno dei materiali più comuni al mondo, di cui sono fatti tantissimi oggetti che usiamo ogni giorno, dalle bottiglie fino ai rivestimenti interni di tante automobili. Tuttavia, se tutta la microplastica è plastica... non tutta la plastica è microplastica!
Le microplastiche sono infatti dei piccolissimi pezzi di materiale plastico, le cui dimensioni variano dai 5 millimetri ai 330 micrometri. Se pensiamo che un micrometro corrisponde a un millesimo di millimetro, allora capiamo bene quanto possano essere minuscoli!
Microplastiche primarie e secondarie
In base alla loro origine, questi microscopici frammenti possono essere suddivisi in due categorie principali:

Microplastiche primarie: sono quelle prodotte dall'uso umano e vengono rilasciate direttamente nell’ambiente, come i glitter presenti in alcuni trucchi o le particelle disperse nell'acqua della lavatrice dagli abiti intessuti con fibre sintetiche. Secondo i dati forniti dal sito del Parlamento Europeo, questa tipologia di microplastiche rappresenta il 15-31% delle microplastiche presenti nell’oceano.

Microplastiche secondarie: sono derivati dalla degradazione dei oggetti di plastica più grandi, come buste o tappi di plastica, bottiglie o reti da pesca. Questi scarti sono i più grandi nemici del pianeta, poiché rappresentano circa il 68-81% delle microplastiche presenti negli oceani.
Le microplastiche sono particelle di origine plastica, di piccole dimensioni, in particolare comprese tra il millimetro e il nanometro. Non potendo essere riassorbite in modo naturale dall'ambiente, tendono ad accumularsi, portando numerosi effetti sull'ecosistema.
Le microplastiche provengono da diverse fonti: se ne trovano in maniera massiccia in prodotti come cosmetici, prodotti per l'igiene personale e per la casa, nei materiali edili, nelle industrie e in agricoltura.
Le microplastiche vengono trasportate dagli agenti atmosferici per arrivare alla loro destinazione, che può essere l'oceano, i fiumi o ancora, come nel caso studiato, un bacino montano incontaminato nei Pirenei francesi.
PrevNext