Book Creator

SCHEGGE DAL FUTURO. E SE L'ACQUA FINISSE?

by STEFANIA DE SENA

Cover

Loading...
Loading...
Loading...
SCHEGGE DAL FUTURO.E SE L'ACQUA FINISSE?
Thought Bubble
INDICE

"Museo dell'acqua dolce perduta"...................... pag.3
Il piccolo fiume..................................................... pag.7
Filastrocca sul risparmio dell'acqua................ pag. 12
INDICE

"Museo dell'acqua dolce perduta"...................... pag.3
Il piccolo fiume..................................................... pag.7
Filastrocca sul risparmio dell'acqua................ pag. 12
MUSEO DELL'ACQUA DOLCE PERDUTA

Quel giorno io e mio nonno Giovanni, giungemmo al "Museo dell'acqua dolce perduta", dopo una giornata lunga e faticosa. Ma la stanchezza, cessò appena varcammo la soglia. Sulla porta un' insegna: " Aperto a bambini e ragazzi esclusivamente accompagnati dai nonni". Un'esposizione davvero singolare, perché nella prima teca erano presenti dei sassi, dai colori e dalle forme particolari, davvero singolari! Non certamente come quelli che siamo abituati a vedere oggi, nel 2050.
MUSEO DELL'ACQUA DOLCE PERDUTA

Quel giorno io e mio nonno Giovanni, giungemmo al "Museo dell'acqua dolce perduta", dopo una giornata lunga e faticosa. Ma la stanchezza, cessò appena varcammo la soglia. Sulla porta un' insegna: " Aperto a bambini e ragazzi esclusivamente accompagnati dai nonni". Un'esposizione davvero singolare, perché nella prima teca erano presenti dei sassi, dai colori e dalle forme particolari, davvero singolari! Non certamente come quelli che siamo abituati a vedere oggi, nel 2050.
Le teche si susseguivano e lo stupore cresceva: si cominciava dai sassi a forma d’uovo, a quelli a forma di rametti, tutti plasmati dal lavorio dei fiumi che nel loro scorrere per milioni di anni li avevano arrotondati e limati. Il nonno guardava, aveva l'aria rammaricata, scorgevo sul suo viso un velo di malinconia.
“Ma davvero, nonno. Sei stato fortunato a vedere queste pietre meravigliose dal vivo. Ma cosa le rendeva così particolari e speciali?" . E il nonno, senza esitare: "L'acqua!". "Non posso credere che sia stata l’acqua, al mare ci sono solo sassi piatti!". “Ah, ma l’acqua dei mari, dei fiumi e dei laghi era tanta, tanta, tanta, allora”.
"Nonno, cosa c'è? Cos'è che ti rende davvero triste?".
"Non so da dove iniziare, ma un tempo quando ero ragazzo, quelle pietre che vedi lì, le trovavi lungo le spiagge. Molti bagnanti amavano raccoglierle e tenerle con sé, come dolce ricordo di un viaggio appena concluso".
PrevNext