Book Creator

EZIO BOSSO

by Simone Locorotondo

Pages 2 and 3 of 9

EZIO BOSSO
Loading...
Ezio Bosso è stato un compositore, pianista, contrabbassista e direttore d'orchestra italiano. Ha composto colonne sonore per film come Un amore e Io non ho paura di Gabriele Salvatores e balletti eseguiti , tra gli altri, dal Royal Ballet e dal San Francisco Ballet . Come pianista ha pubblicato un album solista che è entrato nelle classifiche italiane. Nato a Torino nel 1971, Bosso ha imparato a leggere e suonare musica prima dei quattro anni e ha iniziato a prendere le prime lezioni di pianoforte con la zia che era pianista. Ha studiato pianoforte, contrabbasso e teoria al Conservatorio di Torino. All'età di 16 anni ha iniziato la sua carriera come contrabbasso e pianoforte solista in Francia. Ha collaborato con orchestre tra cui la Vienna Chamber Orchestra e la Chamber Orchestra of Europe. Nel 2011, dopo aver subito un intervento chirurgico per rimuovere un tumore al cervello , Bosso ha iniziato a soffrire di una sindrome neurodegenerativa .All'inizio, la malattia non gli impedì di suonare, comporre e dirigere musica. Ha scritto musica per balletto, musica per teatro, opere, colonne sonore per film, cinque sinfonie, concerti e musica da 
Loading...
camera tra cui quartetti d'archi, trii con pianoforte e sonate. Il 30 ottobre 2015, Bosso ha pubblicato il suo primo album in studio da solista, The 12th Room .
Loading...
camera tra cui quartetti d'archi, trii con pianoforte e sonate. Il 30 ottobre 2015, Bosso ha pubblicato il suo primo album in studio da solista, The 12th Room .
Loading...
 Una raccolta di opere per pianoforte tra cui di Bosso propria Sonata per pianoforte. Nel 2016, la musica di Bosso è stato utilizzato dalla Royal Ballet di Christopher Wheeldon s' entro l'ora d'oro , per la prima volta eseguite dal San Francisco Ballet . Ha lavorato anche per La Scala di Milano e La Fenice di Venezia,  e ha ricevuto commissioni dall'Opera di Stato di Vienna , dal New York City Ballet e dal Teatro Bolshoi di Mosca.
Dal 2017, ha iniziato a concentrarsi maggiormente sulla direzione e la composizione. Nel settembre 2019, Bosso ha annunciato che a causa della sua malattia neurodegenerativa stava perdendo il controllo di due dita e quindi non era più in grado di suonare il pianoforte.
«Io li conosco I domani che non arrivano mai
Conosco la stanza stretta
E la luce che manca da cercare

Io li conosco i giorni che uguali
Fatti di sonno e dolore e sonno
per dimenticare il dolore»

You've reached the end of the book

Read again

Made with Book Creator

PrevNext