Book Creator

Ortoterapia

by annalisa lauria

Cover

Loading...
Ortoterapia
Loading...
Loading...
Realizzato dai ragazzi diversamente abili
dell' Istituto comprensivo Luigi Pirandello di Comiso
Loading...
Ortoterapia
L’Ortoterapia, metodo terapeutico e riabilitativo, apporta numerosi benefici dal punto di vista fisico, sociale e psicologico alla persona con disabilità, non solo a livello individuale ma anche relazionale. I benefici dell’ortoterapia interessano diverse aree:
- La Sfera Fisica, poiché il seminare, il dedicarsi alla cura delle piante e alla successiva raccolta, stimolano il movimento, la coordinazione oculo manuale e anche il dosaggio della forza.
-La Sfera Cognitiva, quindi il dover ricordare il nome di alcune piante, imparare nozioni sulla semina o l’utilizzo di strumenti di lavoro manuale aumentano la capacità di apprendimento oltre a stimolare la memoria, la concentrazione, l’attenzione, la capacità di svolgere un compito nella giusta sequenza e le capacità logiche.
-La Sfera Emotiva, ovvero il contatto con la terra e con la natura riducono lo stress, i comportamenti aggressivi, l’affaticamento mentale oltre che combattere la depressione. 
-La Sfera Affettiva: il verde e l’aria aperta infondono un senso di rilassamento e di quiete portando ad una riduzione dell’ansia. Si rafforza l'autostima grazie all'impegno nel far crescere una pianta e nel poter successivamente raccogliere i suoi frutti o ortaggi.
-La socializzazione, la coltivazione della terra stimola le capacità affettive, aiuta a migliorare l’autonomia e facilita la socializzazione e le relazioni sociali. Il lavorare in gruppo aiuta a responsabilizzarli in quanto devono raggiungere un fine comune che rappresenta il risultato del loro lavoro.
Ortaggi e piante aromatiche
I ragazzi dell'Istituto Comprensivo Luigi Pirandello di Comiso con la guida di alcuni docenti si sono dedicati alla piantagione di alcuni ortaggi quali la melanzana violetta, la zucchina verde, il peperone cornetto, la lattuga, il pomodoro ovetto e il peperoncino piccante che oltre ad essere un ortaggio può essere definito una spezia. Hanno anche piantato alcune piante aromatiche come il timo, la salvia, la menta, il basilico e il prezzemolo.
Peperoncino piccante dell'etna (Capsicum frutescens)
Il peperoncino piccante è una pianta dalla doppia valenza, sia ornamentale che alimentare. Pianta compatta ad accrescimento determinato adatta per la coltura sia in vaso sia in pieno campo. I frutti piccanti, di colore verde scuro virante al rosso vivo alla maturazione, si raggruppano a “mazzetti” sulla pianta. Contiene vitamina A, che aiuta a mantenere la salute degli occhi, capelli e pelle. Possiede proprietà stimolanti, antisettiche, disinfettanti e digestive.
IL timo ( Thimus Vulgaris)
Il timo è un’erba aromatica dal profumo simile all’origano, ma, oltre ad essere usato in cucina è molto utile per contrastare acne, tosse e infezioni. Il timo viene utilizzato soprattutto come erba aromatica, ma è anche noto come pianta officinale. Il timo è utile non solo per aromatizzare i propri piatti e renderli più gustosi, ma anche per migliorare alcuni sintomi o disturbi di salute. Migliora la frequenza cardiaca e la pressione arteriosa, la colesterolemia, contrasta la tosse e le infezioni del tratto respiratorio, contrasta l'acne, è anche un antimicrobico e un antinfiammatorio. Un consumo eccessivo può provocare irritazioni cutanee, disturbi gastrointestinali o mal di testa.
La menta ( Mentha arvensis )
La menta è una piante aromatica usata in cucina ma anche in cosmetica.
Le principali proprietà benefiche della Menta sono:
Scioglie gli spasmi dell’apparato digerente;
Favorisce la digestione;
Contrasta la formazione di gonfiore e fermentazioni;
Favorisce la produzione e il deflusso della bile;
Antisettica, antinfiammatoria;
Favorisce la fluidificazione e l’eliminazione del catarro in eccesso (azione espettorante e mucolitica);
Tonico-stimolante.
Conviene evitarla se si soffre di reflusso gastro-esofageo, iperacidità, ernia iatale ed ulcera in quanto potrebbe accentuare il problema. Sconsigliata nei soggetti affetti da favismo per mancanza dell’enzima che metabolizza il mentolo e anche in gravidanza ed allattamento.
PrevNext