Book Creator

CIVITAS - Lo Stato nello spazio e nel tempo

by Michele Di Mauro/Marco Feo

Cover

Loading...
Loading...
CIVITAS
Loading...
Lo Stato nello spazio e nel tempo
INDICE
03 LA NASCITA DELLO STATO
04 IL DIRITTO NATURALE E POSITIVO
05 L'ORDINAMENTO ITALIANO
06 IL PARLAMENTO INGLESE
07 IL COMMONWEALTH
08 LA CRISI DELLA REPUBBLICA
09 LA POLIS: PRIMA FORMA DI "STATO"
10 LA TUTELA DEL PATRIMONIO ARTISTICO
11 LA PARITA DI GENERE
Se l'uomo vivesse solo, senza alcun contatto con altri uomini, come Robinson Crusoe nell'isola deserta, sarebbe del tutto padrone del suo modo di essere e di operare e, non avendo alcun rapporto con gli altri, non sentirebbe alcun esigenza di norme di convivenza e ordine sociale.
Ma l'uomo è un animale sociale e se a lui se ne aggiungessero altri la situazione muterebbe: gli uomini dovrebbero porre limiti alla propria libertà ed instaurare rapporti reciproci di convivenza stabilendo delle regole.
LA NASCITA DELLO STATO
STATO FEUDALE
STATI NAZIONALI
STATO DI DIRITTO
STATO COSTITUZIONALE
-Vasti territori
-Potere conteso dal Papa
-Intendenti per riscuotere le tasse
-Con il trattato di Westfalia lasciano spazio agli stati nazionali
-Potere al sovrano
-Fitta rete di uffici per l'amministrazione
-Dopo la rivoluzione francese (1789) mutarono in Stati di diritto
-Parità di trattamento difronte alla legge
-Separazione dei poteri
-Il potere del Re viene in parte ceduto al Parlamento
-Primo ministro al comando del governo
-Anche il legislatore diventa soggetto alla legge
-Lo Stato italiano è un esempio di stato costituzionale
IL DIRITTO NATURALE E POSITIVO
IL DIRITTO NATURALE
IL DIRITTO POSITIVO
Diritti dei quali ogni individuo è titolare fin dalla nascita, che trovano la loro legittimazione non nel fatto di essere riconosciuti e accettati da un governo che li concede, ma nel fatto di essere costitutivi della natura stessa dell'uomo tra cui conosciamo il diritto alla vita, alla libertà personale ed ai governi spetta il compito di dare veste giuridica a tali diritti per garantirne l'effettivo rispetto.
Il diritto positivo (ius in civitate positum) è il diritto vigente in un determinato ambito politico-territoriale e spazio di tempo, creato ed imposto da uno Stato sovrano mediante norme giuridiche e volto a regolamentare il comportamento dei propri cittadini.
La definizione che ne propone Tommaso d’Aquino è la seguente: “un ordine della ragione per il bene comune, promulgato da chi ha il governo della comunità” (Summa Theologiae, I-II, q. 90, a. 4 c.).
L'ORDINAMENTO ITALIANO
Lo Stato è l'organizzazione politica e giuridica di una comunità stabilmente stanziata su un territorio. In quanto autorità che governa un territorio e una popolazione, lo Stato costituisce un ordinamento giuridico a base territoriale. Inoltre, secondo una concezione diffusa, l'ordinamento posto e garantito dallo Stato, o con cui lo Stato si identifica, è altresì sovrano perché indipendente sul piano esterno e supremo su quello interno.
Il sistema o ordinamento politico della Repubblica Italiana è un sistema politico improntato a una democrazia rappresentativa nella forma di Repubblica parlamentare. Lo Stato è organizzato in base a un decentramento regionale.
L'Italia è una repubblica democratica dopo il referendum del 2 giugno 1946, quando la monarchia fu abolita e l'Assemblea costituente venne eletta per redigere la Costituzione, la quale venne successivamente promulgata dall'allora Presidente della Repubblica Provvisorio Enrico De Nicola il 27 dicembre 1947 ed entrata in vigore il 1º gennaio 1948.
PrevNext