Book Creator

Lab 9

by Adriana Bartolillo

Cover

Loading...
Loading...
  Corso di Specializzazione per le attività di Sostegno scuola Primaria
      Primaria 1 gruppo 8

Lab. 9 "Metodi e tecniche dell'attività motoria"
Docente: Cinzia Licata D'Andrea
Loading...
Corsiste:
Barreca Francesca
Barresi MariaBernadette
Bartolillo Adriana
Bartolomei Sara
Basiricò Rosaria
Basone Federica
Battaglia Cristina Maria
Bavetta Antonina
Analisi del caso

Mario ha sette anni, inserito in una classe prima, è un bambino autistico con compromissione motoria periferica e con difficoltà deambulatorie. Le conseguenze funzionali sono: ritardo cognitivo e difficoltà motorie e psicomotorie. Infatti presenta una compromissione delle capacità affettiva, motoria, ed una grave compromissione del linguaggio. Nel campo affettivo relazionale l’alunno è ancora dipendente dall' adulto, anche se comincia a pretendere una certa autonomia. Dimostra a volte, insicurezza nell' intraprendere situazioni nuove. Globalmente si dimostra affettuoso e disponibile. Discreta è l'autonomia personale.
Nel corso di questo anno scolastico è migliorata l'intenzionalità comunicativa spontanea, anche se presenta ancora un lessico ridotto ed una certa difficoltà nell'emettere alcuni suoni. Nella sfera motoria ha una scarsa coordinazione e quindi anche l'attenzione viene compromessa.
A livello cognitivo usa il simbolo in modo discreto, anche se a volte fa fatica ad estendere, ciò che ha appreso, in altre attività. L’alunno ha bisogno di essere stimolato nell'autonomia sociale, nel miglioramento delle capacità relazionali, nel miglioramento dell'intenzionalità.
Ha bisogno costantemente di essere seguito sia a casa, sia a scuola, da una persona adulta che gli sappia trasmettere fiducia e sicurezza. Necessita inoltre di continue cure fisioterapiche per contenere il deficit motorio, che può avere un ulteriore peggioramento.
Nell'età evolutiva sempre più importanza riveste il ruolo dei sistemi recettoriali che si relazionano, si evolvono e integrano tra loro affinché l'organismo si mantenga in equilibrio.
Orbite in movimento
Obiettivi:
- Eseguire semplici sequenze di movimento;
- Utilizzare uno schema motorio: camminare;
- Muoversi nello spazio circostante utilizzando
gli organizzatori topologici (destra e sinistra);
- Distinguere gruppi grandi da gruppi piccoli;
- Discriminare i concetti topologici “dentro” e “fuori” .
Traguardi per lo sviluppo delle competenze

- Acquisisce consapevolezza di sé attraverso la percezione del proprio corpo e la padronanza degli schemi motori e posturali nel continuo adattamento alle variabili spaziali e temporali contingenti;
- Sperimenta una pluralità di esperienze che permettono di maturare competenze di giocosport anche come orientamento alla futura pratica sportiva; 
- Agisce rispettando i criteri base di sicurezza per sé e per gli altri, sia nel movimento sia nell’uso degli attrezzi e trasferisce tale competenza nell’ambiente scolastico ed extrascolastico;
PrevNext