Book Creator

"Tutte le strade portano a Roma"

by Monica Meo

Cover

Loading...
Tutte le strade portano a Roma
Loading...
“Tutte le strade portano a Roma”, come dice il famoso proverbio, è un detto che ha una base di verità, perché si riferisce all’efficienza della rete stradale romana.
Non a tutti, però, è noto cosa effettivamente significasse viaggiare su una strada romana.

Ecco che questo libro racconta un po' della storia delle strade romane.
Le strade romane nell’antica Roma mettevano in comunicazione tutto l’impero.
Sono stati gli Etruschi a insegnare ai Romani come costruire le strade; ma questi si erano limitati solo a costruire strade sì ben livellate, ma sterrate.
I Romani, invece, hanno fatto un grande passo avanti, perché hanno aggiunto la pavimentazione.

Strade romane in età imperiale
In età imperiale, quando Roma ha raggiunto il massimo della sua espansione territoriale, ha sentito l’esigenza di costruire nuove strade.
Per i Romani, infatti, le strade, oltre ad essere un grande strumento di commercio, erano anche un fondamentale fattore di unione politica e culturale.
La via Appia
Tra le più grandi vie romane, c'è la Via Appia.
Questa strada è stata costruita dal console Appio Claudio (da cui deriva il nome della strada) e prima collegava Roma a Capua e poi è stata prolungata fino a Brindisi.
L'unico motivo per cui era stata costruita questa strada era quello militare, cioè per fare in modo che gli eserciti arrivassero subito in Campania per combattere contro i Sanniti.
Via Flaminia
La Via Flaminia prende il nome dal censore Gaio Flaminio.
Questa strada collegava Roma a Rimini e attraversava gli Appennini.
La Via Flaminia è il tratto segnato in BLU sulla cartina!
PrevNext