Book Creator

La storia della famiglia Milla

by Classe 5A Paderno d'Adda - a.s. 2021/2022

Pages 2 and 3 of 24

Loading...
L'arresto e la deportazione di una famiglia di ebrei che ha vissuto a Verderio (1943)
"Nulla più è nostro: ci hanno tolto gli abiti, le scarpe, anche i capelli; se parleremo, non ci ascolteranno, e se ci ascolteranno, non ci capirebbero.
Ci toglieranno anche il nome: e se vorremmo conservarlo, dovremmo trovare in noi la forza di farlo, di fare sì che dietro al nome, qualcosa ancora di noi, di noi quali eravamo, rimanga."
Primo Levi, "Se questo è un uomo".
Dal 1942 al 1943 venne ad abitare a Verderio per motivi di lavoro, la famiglia Milla.
Proveniva da Milano ed era composta da tre sorelle (Laura, Lina e Amelia) e dal fratello Ferruccio, ma anche da Olga, Max e Gabriella. In quanto ebrei nel 1943 vennero arrestati.
Gli ultimi tre, a causa della persecuzione degli ebrei, scapparono in Svizzera e in Inghilterra.
Altri due fratelli sono morti per malattia e in guerra.
Nel 1938 furono emanate le leggi razziali che impedivano agli ebrei di vivere liberamente.
Iniziarono le persecuzioni e l'arresto degli ebrei da parte dei nazisti.
I Milla provenivano da Sesto S. Giovanni dove lavoravano in uno scatolificio di proprietà dei Passaquindici, che per colpa di un bombardamento hanno dovuto spostare i macchinari e i dipendenti a Verderio.
Una sera i tedeschi entrarono nella casa dei Passaquindici accusandoli di aver dato lavoro e nascosto degli ebrei.
Loading...
Loading...
Quella sera a casa dei Passaquindici c'era Ferruccio che giocava a carte, che dichiarò davanti ai tedeschi di essere ebreo.
Lo stesso successe a Ugo che si recò poco dopo nell'abitazione dei Passaquindici. Vennero arrestati anche i Passaquindici, che furono portati al carcere di Bergamo, ma che dopo tre settimane vennero rilasciati perchè non ebrei.
Quella notte Lea e le sorelle si accorsero dell'accaduto e decisero di lasciare Verderio.
Lea e sua figlia si recarono da un'amica e poi in una clinica
a Carate, le sorelle invece partirono per Milano senza bagagli.
Al mattino dopo i soldati armati andarono nella casa e svuotarono tutti i guardaroba.
Loading...